MENU

Addio, Eusébio, “Perla nera” del Portogallo

5 gennaio 2014 • Sport news

 

Soprannominato “la Perla nera”, è stato uno dei grandi simboli del Portogallo contemporaneo, al pari di Amália Rodrigues, la regina del fado. Nato 71 anni fa a Lourenço Marques, in Mozambico (allora colonia portoghese), è stato la colonna del Benfica, squadra che trascinò alla vittoria della Coppa Campioni 1961-62, prima sua stagione da titolare. Da tempo in precarie condizioni di salute Eusébio da Silva Ferreira si è spento per un arresto cardiocircolatorio. Impressionante il suo ruolino da goleador 733 gol in 745 partite disputate, e sette volte capocannoniere del massimo torneo portoghese. Oltre alla Coppa dei campioni, Eusébio ha vinto anche 11 campionati e cinque coppe del Portogallo; si è portato a casa un Pallone d’oro (1965) e due edizioni della Scarpa d’oro (1968 e 1973). In nazionale ha disputato 67 partite mettendo a segno 41 reti. E’ stato il vero protagonista dei campionati del mondo 1966, svoltisi in Inghilterra, dove ha conquistato il terzo posto con il Portogallo e la palma di capocannoniere con nove gol. A fine carriera, tentò l’avventura americana, vincendo anche un campionato a Toronto. Ora i tifosi lo potranno salutare per l’ultima volta nel teatro delle sue gesta, lo stadio Da Luz di Lisbona prima dello svolgimento dei funerali previsti per martedì 7 gennaio. Guido Berger

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »