MENU

Brasile, c’è chi tifa contro

24 marzo 2014 • Sport news

“Scusa, Neymar, ma in questa Coppa io non tifo per voi”. L’ultimo successo del cantautore brasiliano Edu Krieger – che si chiama, appunto, Desculpe, Neymar (“Scusa, Neymar”) – è una ballata dalla melodia dolce e rilassante, ma il testo è molto “forte”: un vero e proprio j’accuse nei confronti di organizzatori, Fifa e classe politica brasiliana. “Abbiamo stadi belli e monumentali”, incalza il testo della canzone, “mentre scuole e ospedali sono sull’orlo del collasso”, e c’è un grande divario fra ricchi e poveri. E aggiunge: “la vita vale più di un gol”.

Questo brano, uscito da non molti giorni, è già diventato una sorta di inno del fronte anti-Mondiali, il musicista carioca si schiera apertamente con i connazionali che protestano per le strade e che gridano: “qui non ci sarà il Mondiale”.

A. Z.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »