MENU

Clamoroso a Marrakech: Atletico Mineiro fuori dalla finale

18 dicembre 2013 • Sport news

L’Atletico Mineiro è fuori dalla finale dei Mondiali per club. Allo stadio di Marrakech, Ronaldinho e compagni si arrendono al Raja Casablanca, squadra rivelazione del torneo, con un secco 3-1 che non lascia spazio a equivoci. Una partita che, per il Gallo (come viene soprannominata l’Atletico) si mette male fin dall’inizio: nonostante le incursioni ficcanti di Marcos Rocha sulla fascia destra e i tentativi di Fernandinho, la squadra brasiliana appare subito inconcludente e pasticciona in difesa; i marocchini lo capiscono e prendono coraggio. La prima frazione finisce a reti bianche, ma è il Mineiro a cogliere con sollievo il fischio dell’arbitro: l’occasione più nitida è di Moutouali, che spedisce di poco a lato a portiere battuto. Dopo l’intervallo l’Atletico detta i ritmi, ma i marocchini, più tonici, crescono e trovano il vantaggio con un destro di Mouhcine Iajour al 51′: pubblico impazzito. Il Mineiro pareggia al 64′ con una “classica” punizione di Ronaldinho: il forcing brasiliano si fa più incisivo, ma le ripartenze dei padroni di casa sono ficcanti, e trovano ampi spazi nella difesa atleticana. E all’83’ è il solito Iajour, lanciato verso la porta, a rendersi pericoloso: Rever lo sgambetta in area. Giusto il rigore, trasformato da Moutouali: Raja Casablanca di nuovo in vantaggio. Inutili i tentativi della squadra di Belo Horizonte di raggiungere il pareggio: gli sforzi atleticani sono vanificati nel recupero: al 94′, quando Mabidé, in contropiede, fissa il risultato sul 3-1.

Non ci sarà, quindi, l’attesa sfida tra Ronaldinho e le stelle del Bayern sabato prossimo a Marrachech: a fronteggiare i campioni d’Europa sarà la squadra di casa, che prima di battere l’Atletico Mineiro con due gol di scarto aveva superato l’Auckland allo scadere e i messicani del Monterrey ai tempi supplementari. “E ‘uno dei giorni peggiori, forse il peggiore dei 100 anni del Gallo”, ha commentato la versione online di Globo Esporte. Clamoroso a Marrakech, verrebbe da aggiungere, mixando il titolo di una canzone degli anni ’80 e una famosa locuzione riferita allo stadio Cibali di Catania. Ma, anche se la sconfitta dell’Atletico Mineiro fa rumore, non è la prima volta che una coppa del mondo per club nega la finale ai campioni sudamericani: il 14 dicembre 2010, allo stadio Mohammed Bin Zayed di Abu Dhabi, erano stati i congolesi del Tout Puissant Mazembe a escludere dalla finale i più accreditati brasiliani dell’Internacional de Porto Alegre, battendoli per 2-0. Il sogno degli africani si era infranto, però, contro l’Inter di Benitez: 3-0 (e titolo mondiale) per i nerazzurri.

Nel pomeriggio, nella finale per il quindo posto, i messicani del Monterrey avevano superato l’Al Ahli per 5-1.

Clemente Isola

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »