MENU

La depressione colpisce un giocatore su quattro

2 aprile 2014 • Sport news

Almeno un calciatore su quattro soffre di depressione. E, tra i giocatori che hanno appeso le scarpe al chiodo, la percentuale sale a un preoccupante 39%. E’ quanto evidenziato da uno studio di FifPro (Federazione internazionale dei calciatori professionisti, in pratica la rappresentanza internazionale dei vari sindacati dei giocatori), che ha coinvolto un panel di 180 atleti che militano in sei campionati (Scozia, Irlanda, Olanda, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda) e di 120 ex.

Vincent Gouttebarge, responsabile medico di FifPro

Vincent Gouttebarge, responsabile medico di FifPro

L’inchiesta è stata condotta dal responsabile medico di FifPro, Vincent Gouttebarge. Uno che di calcio ne mastica da tempo: negli anni Novanta ha, infatti, calcato i campi verdi, militando anche in squadre come l’Auxerre o il Volendam. E sperimentando come uomo,  prima ancora che come studioso, che cosa si prova a lasciare il football. “A differenza di quanto si possa pensare, la vita di un giocatore nasconde vari lati oscuri”, ha detto Gouttebarge. “Gli ex calciatori hanno evidenziato una propensione più forte a queste patologie. E hanno sperimentato un periodo critico appena dopo aver lasciato l’attività. I numeri”, ha concluso Gouttebarge, “sono più alti rispetto alla media dei cittadini”.

Secondo la ricerca, inoltre, il 19% dei calciatori interpellati ha ammesso di avere problemi con l’abuso di alcol (la percentuale passa al 32% per gli ex), il 5% soffre di esaurimento nervoso (per gli ex il dato passa addirittura al 15%) e il 3% ha una bassa autostima.

A. Z.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »