MENU

Un frammento di Lucca nello spot ufficiale dei Mondiali

15 aprile 2014 • Te lo dò io il Brasile

di Nazareno Giusti. Come anticipato nella notizia del 4 aprile scorso pubblicato su questo sito anche Lucca parteciperà ai mondiali di calcio in Brasile! Sì, avete letto bene. Proprio così. La città delle Mura sarà sotto gli occhi di milioni di persone…Come mai? Semplicemente perché sarà parte dello spot ufficiale dei mondiali che passerà sul palinsesto di tutte le nazioni coinvolte e non solo. Insomma, di tutto il pianeta. Nel video si vedrà una palla che attraversa tutti i continenti delle nazioni coinvolte. Per l’Italia è stata scelta la città di Lucca, in particolare la piazza Anfiteatro. E lucchese è anche la casa di produzione che ha realizzato il video: Metropolis Produzioni – www.metro-polis.it – (nella foto lo staff della Cdp) che ha già realizzato tante e qualificate iniziative e proprio per questo è stata scelta dalla Circus Ads, l’agenzia pubblicitaria internazionale, con sede alle Mauritius, che cura l’iniziativa, per girare parte dello spot.

“Siamo stati selezionati in seguito a un contest a livello mondiale che ha scelto cinquanta videomakers, ognuno dei quali proveniente da una diversa nazione, per realizzare uno spot promozionale per i mondiali di calcio che si terranno a Rio de Janeiro. Appena abbiamo saputo la notizia ci siamo messi al lavoro…”, hanno spiegato quelli di Metropolis. Le riprese si sono tenute sabato 5 aprile dalle ore 8. Protagonisti del video sono stati dieci calciatori, cinque ragazzi e cinque ragazze, scelti sul territorio lucchese, e tanti cittadini e turisti.

“Metropolis Produzioni si propone nuovamente come motore propulsivo dell’immagine di Lucca e delle sue bellezze sia sul territorio nazionale che internazionale”, continuano i ragazzi di Metropolis, “e come importante punto di riferimento per produzioni video sul territorio. Il risultato ottenuto con questo contest, offre alla casa di produzione la possibilità di mostrare, e dimostrare, come anche in una realtà di medie dimensioni sia possibile far nascere e crescere delle eccellenze professionali e della valide realtà in campo culturale”. Ora, per vedere il risultato non resta che aspettare la prima partita dei Mondiali di Rio…

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »