MENU

Hodgson: Questa Inghilterra fa paura agli italiani

1 giugno 2014 • Sport news

Con un secco 3-0 sul Perù, la nazionale dei Tre Leoni ha dimostrato di essere già in splendida forma, in vista del debutto mondiale del 14 giugno contro l’Italia. Nell’amichevole di Wembley, la squadra di Roy Hodgson ha raccolto i frutti di due settimane di preparazione in Portogallo, andando in rete con Sturridge nel primo tempo e nel secondo con Cahill e Jagielka, entrambi abili nel convertire in gol i calci d’angolo battuti da Baines.

Comprensibilmente, il commissario tecnico inglese si è detto soddisfatto della performance della sua squadra: “Non poteva esserci modo migliore per chiudere questa fase di ritiro e siamo felici di partire per il Brasile dopo un bagno di folla così esaltante, in uno stadio gremito da 85.000 tifosi entusiasti. L’atmosfera di Wembley ci ha dato una grandissima carica, anche se nell’avvio della partita non c’era affatto l’impressione che per noi sarebbe stata una passeggiata. Il gol di Sturridge ha incanalato la sfida sul binario giusto. Quando incontri squadre che si difendono portando dieci uomini dietro la linea della palla bisogna avere pazienza e non farsi prendere dalla fretta di sbloccare subito il risultato, ma in cuor mio non ho mai avuto dubbi sul fatto che alla fine avremmo vinto la partita”.

“E’ stato molto importante finire l’incontro senza infortuni”, ha continuato l’ex tecnico dell’Inter. “E’ positivo notare come i ragazzi stiano tutti bene, compreso Baines: l’ho sostituito solo per motivi precauzionali, ma nonostante qualche crampo avrebbe potuto anche rimanere in campo. Non aveva senso rischiare. In quanto a Shaw, Oxlade-Chamberlain e Jones, non hanno giocato solo perché li metterò in campo mercoledì prossimo contro l’Ecuador e non volevo affaticarli”.
Ha lasciato il campo anzitempo anche Wayne Rooney, dopo aver inutilmente cercato il gol per oltre un’ora di gioco: “A me Wayne è piaciuto”, ha osservato il commissario tecnico. “In una partita di questo tipo, era giusto dare spazio ad altri giocatori, in particolare ai giovani, ma in quanto a Rooney devo evidenziare come il suo stato di forma sia in ascesa e, con due settimane di allenamento a disposizione, arriverà certamente al mondiale nelle migliori condizioni possibili. Non è certo il caso di mettere a discutere di grandi giocatori come lui o come Gerrard, che rappresentano dei punti di forza per la nostra squadra”.
Secondo Gerrard, il potenziale della squadra è principalmente in attacco: “Sono felice per il gran gol segnato da Sturridge, ma non sono certo sorpreso. Daniel è un grande giocatore e io lo so bene, avendolo visto all’opera per tutta la stagione con il Liverpool. Lui e Rooney formano un duo offensivo davvero eccezionale e per fare strada al mondiale bisogna che la loro intesa sia brillante come lo è stata contro il Perù”.
Prima di affrontare l’Italia a Manaus, la nazionale inglese si trasferisce a Miami, dove affronterà Ecuador e Honduras nelle ultime due amichevoli di rifinitura. L’entusiasmo dei tifosi si rispecchia anche nella decisione del Principe Harry di andare allo stadio di Belo Horizonte per la sfida con la Costa Rica del 24 giugno, modificando ad hoc il programma della sua visita diplomatica in Sud America.
L.Z.
Nella foto di imagephotoagency.it il capitano inglese Gerrard

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »