MENU

Chelsea: goodbye Lampard, hello Cesc

3 giugno 2014 • Sport news

Dal ritiro della nazionale inglese, dove sta preparando il debutto contro l’Italia, Lampard ha annunciato il suo divorzio dal Chelsea. A 36 anni, il centrocampista sta valutando nuove proposte, come quella che gli è giunta dalla nuova franchigia del campionato americano, il New York City Football Club. Finisce così un’era durata ben tredici anni, nel corso dei quali Lampard ha indossato la maglia dei Blues per 648 volte ed ha realizzato 211 gol, record assoluto nella storia del club. Lampard è cresciuto nel West Ham, seguendo le orme del padre Frank Senior e dello zio Harry Redknapp, ma è letteralmente esploso a Stamford Bridge, dove ha vinto una Champions League, una Europa League, tre campionati inglesi, quattro coppe d’Inghilterra e due coppe di Lega. “Quando firmai il mio primo contratto con il Chelsea, di certo non immaginavo che avrei avuto tanto successo”, ammette il vicecapitano della nazionale inglese. “Devo ringraziare Ken Bates, che già a quei tempi decise di scommettere sulle mie qualità e mi diede la possibilità di giocare in un club così importante. Ringrazio anche Roman Abramovich, che con il suo arrivo ha fatto decollare le nostre ambizioni, e tutti gli allenatori che si sono succeduti in questi anni. Ho imparato qualcosa da ognuno di loro, così come mi sono goduto la compagnia di tanti colleghi eccezionali, anche fuori dal campo. Rivolgo un pensiero anche alle tante persone che hanno lavorato dietro le quinte per permetterci di raggiungere un livello così elevato e soprattutto i nostri tifosi, grazie ai quali siamo riusciti a superare anche i momenti negativi, per conquistare gioie indimenticabili. Non ho dubbi sul fatto che il Chelsea continuerà a crescere nel prossimo futuro e io continuerò a portarlo nel cuore, qualunque maglia indosserò”.

Per riempire il vuoto lasciato dal carismatico centrocampista, José Mourinho sta valutando solamente profili molto elevati. L’ipotesi più suggestiva è quella legata a Cesc Fàbregas, che tornerebbe a Londra dopo aver già vestito la maglia dell’Arsenal. Deluso dal poco spazio avuto a disposizione nel centrocampo blaugrana, il playmaker della nazionale spagnola ha chiesto di essere ceduto e le negoziazioni tra le due società sono già in uno stadio piuttosto avanzato. Si profila, quindi, una staffetta londinese tra due dei protagonisti più attesi del mondiale brasiliano.

L. Z.

 

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »