MENU

Lotito caccia Petković per “giusta causa”

4 gennaio 2014 • Sport news

Che Claudio Lotito non sia il più grande amico dei sindacati è fatto abbastanza acclarato: le sue divergenze (chiamiamole così) con alcuni calciatori della Lazio, messi fuori rosa per i motivi più vari, sono cosa nota. Molti ricordano la “guerra” a suon di carte bollate tra il presidente della Lazio e Christian Manfredini, vinta dal centrocampista ex Genoa e Chievo. Ora, Lotito potrebbe essere coinvolto in una nuova battaglia legale, questa volta con l’ormai ex allenatore laziale Vladimir Petković e i suoi collaboratori, Antonio Manicone e Paolo Rongoni. Tutti licenziati (in tronco) per giusta causa. Il motivo si legge nella lettera di contestazione inviata al tecnico poco prima di fine anno: “aver negato un fatto che era accaduto, ossia la firma del contratto con la Nazionale svizzera”. Pronta la replica di Paco D’Onofrio, avvocato del tecnico:  “Consideriamo il licenziamento ingiusto e illegittimo”, ha dichiarato, “perché non è stata mai violata alcuna regola e non è un caso che nella lettera di contestazione non viene citata la norma violata”. L’esito non è scontato, ma un precedente (che ha coinvolto Lotito) sembra favorevole a Petković: quello di Giuseppe Galderisi, che fu licenziato dalla Salernitana (di cui il presidente della Lazio è proprietario, insieme a Marco Mezzaroma) e vinse poi la causa contro la società. Lo stesso Galderisi ha subito espresso solidarietà a Petković: “Se ci sono dei contratti, devono essere rispettati”. Intanto, Edi Reja è ufficialmente il nuovo allenatore della Lazio.

Clemente Isola

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »