MENU

Rio 2016, Malagò è ottimista

3 novembre 2014 • Sport news

Ai prossimi Giochi olimpici l’Italia arretrerà nel medagliere? Non è per niente detto. A sostenerlo è Giovanni Malagò, presidente del Coni. L’occasione è la conferenza stampa svoltasi alla palestra Fipe del Centro di Preparazione Olimpica dell’Acquacetosa (Roma) per presentare la squadra azzurra di sollevamento pesi, impegnata il prossimo 8 novembre ai Mondiali di Almaty (Kazakhstan). “Qualcuno dice che a Rio perderemo qualche medaglia, ma non è detto”, ha affermato il presidente del Coni. “Alcune le perderemo per un problema di programma olimpico” (ai prossimi Giochi non è previsto il fioretto femminile a squadre, a causa della rotazione delle discipline nella scherma). “Ma non ci piangiamo certo addosso: la mia speranza è che andiamo a conquistare qualche medaglia dove non ne abbiamo mai prese. Penso al tennis, al triathlon e anche ai pesi. Non dico che ci conto, perché sarei un incosciente. Ma ci spero. E se non ci saremo a Rio, ci saremo a Tokyo. Dobbiamo sostituire un serbatoio di medaglie tradizionali con altre discipline. Se arriveranno medaglie – e, penso, avremo belle sorprese – saranno sicuramente medaglie pulite”.
Nel sollevamento pesi, in particolare, le maggiori speranze azzurre sono riposte in Genny Pagliaro, argento ai Mondiali 2011 nella categoria fino a 48 kg, ma non qualificata per i Giochi di Londra 2012. Ma, tra gli sport citati da Malagò, è il tennis (femminile) a offrire più possibilità di podio: la coppia Errani-Vinci ha chiuso, per il secondo anno consecutivo, la stagione al primo posto nella classifica Wta del doppio. Le ragazze sono in cima al mondo da 60 settimane di fila: solo la zimbabwese Cara Black e la sudafricana di passaporto Usa Liezel Huber hanno fatto meglio.

A.Z.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »