MENU

Ingresso mondiale per Came Group in attesa di Expo 2015

27 maggio 2014 • Affari & Persone

La Came quest’anno ha festeggiato il 40° anniversario della sua fondazione. Fondata nel 1972 da Paolo Menuzzo, attuale presidente di Came Group, l’azienda è leader in Italia e nel mondo nella costruzione di cancelli automatici, sistemi di automazione per ingressi residenziali, industriali, parcheggi e controllo accessi, home & building automation. Il gruppo ha un fatturato di 200 milioni di euro, di cui circa il 70% realizzato all’estero, nei 118 paesi nel mondo in cui è presente con 13 filiali e più di 350 distributori esclusivi.

La vocazione internazionale è uno degli elementi distintivi del gruppo Came fin dalle sue origini. Tanto che l’azienda è ststa scelta da Expo 2015 per il controllo degli accessi dell’Esposizione Universale 2015.  Il sistema messo a punto dal Gruppo è stato progettato per gestire l’ingresso degli oltre 20 milioni di visitatori. Si stima, infatti, che nei sei mesi dell’evento circa 140 mila persone ogni giorno varcheranno i cancelli del sito espositivo: è come se una città delle dimensioni di Monza o Brescia si riversasse quotidianamente su un’area grande come circa 150 campi da calcio per poter visitare i padiglioni – http://www.came.com/it/comunicazione/expo-2015/came-apre-le-porte-di-expo-milano-2015.html.

Il Gruppo opera tramite quattro divisioni specializzate per settore: divisione automazioni, che comprende automazione per cancelli, per porte basculanti e sezionali, per serrande, per porte pedonali, per portoni e ingressi industriali, per barriere stradali automatiche divisione motori tubolari, che comprende automazioni per tende, tapparelle avvolgibili e sistemi oscuranti divisione controllo accessi e parcheggi, che comprende sistemi per parcheggi automatici a pagamento, tornelli automatici per la gestione degli ingressi, software e tecnologie per il controllo degli accessi divisione domotica e sicurezza, in particolare soluzioni per l’home & building automation e sistemi d’allarme anti-intrusione.

Gli accessi perimetrali di Expo 2015 saranno controllati da 250 tornelli automatici, 40 dei quali sono stati appositamente progettati per gestire l’ingresso dei visitatori diversamente abili. La fornitura si completerà con l’integrazione di automazioni per cancelli scorrevoli e per barriere stradali e con 80 dissuasori per la protezione e la selezione delle entrate perimetrali di passaggi carrai. Il sistema integrato di controllo accessi potrà essere monitorato anche attraverso 100 dispositivi palmari.

I principali canali distributivi sono rappresentati da: concessionari/installatori, responsabili diretti dell’interfaccia con il cliente finale distributori, ovvero aziende che distribuiscono prodotti del Gruppo Came e prodotti complementari quali porte, cancelli, tapparelle e solar screen grossisti di materiale elettrico utilizzato dagli installatori e dagli elettricisti. Uno delle ultime sedi dal Gruppo all’estero è quella di San Paolo dopo quella di Rio de Janeiro in Brasile per l’apertura della quale si è avvalsa dei servizi e della vicinanza della Camera di Commercio Italo-Brasiliana – http://www.came-brasil.com/grupo-came. Abbiamo fatto alcune domande a Daniele Pilchard, strategic alliances & partnerrship manager di Came Group.

Come avete conosciuto CCIB?

“Abbiamo incontrato Luciano Feletto, presidente CCIB, nel novembre 2012 in occasione della partecipazione di Came al progetto “Elite” di Borsa Italiana – http://elite.borsaitaliana.it/it/companies/came-group.

Qual è il vostro core business in Brasile?

“Siamo impegnati nella produzione e distribuzione di prodotti per l’automazione e il controllo degli accessi residenziali e industriali. Nel Paese produciamo in piccola scala e distribuiamo attraverso una rete commerciale impiegando un totale di 15 dipendenti”.

Quali sono le principali  problematiche riscontrato per l’espansione in Brasile?

“Avere a disposizione prodotti con un corretto posizionamento qualità/prezzo, gli alti costi di import (dazi/dogane), un  mercato molto competitivo e price oriented”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »