MENU

Pre-sorteggio: montano le proteste

4 dicembre 2013 • Sport news

Roy Hodgson lo aveva dichiarato una manciata di ore prima che la Fifa si inventasse il pre-sorteggio: più preoccupazione per gli stadi che per le avversarie. In Inghilterra, cambiare opinione da un giorno all’altro non è una prassi consolidata: quindi Hodgson non protesta. Ma l’opinione pubblica inglese sì. Tutti i j’accuse (è proprio il caso di dirlo) sono puntati sulla Francia: secondo i tifosi di Sua Maestà, lo spostamento nell’urna 2 spettava ai galletti, dato che la squadra di Didier Deschamps è la peggio messa, tra le europee, come ranking Fifa. E invece, la squadra dell’urna 4 che finirà con le africane e le sudamericane non teste di serie (rischiando il girone di ferro) sarà scelta a caso. E questo, secondo gli inglesi, non è altro che un favore alla Francia. E a Michel Platini, presidente dell’Uefa e grande avversario di Sepp Blatter per le prossime elezioni Fifa: i giornali inglesi concentrano su di lui i sospetti di essere stato il motore della decisione.

Bert van Oostveen, direttore della federcalcio olandese

 

Protestano anche gli olandesi vicecampioni del mondo. “Pensavamo che nell’urna 2 ci andasse il paese europeo con il ranking più basso, e cioè la Francia”, ha dichiarato Bert van Oostveen, direttore della federazione calcio (Knvb). ai microfoni del notiziario pubblico Nos. “Vorremmo sapere perché, invece, hanno fatto questa scelta, e in che misura la suddivisione delle urne rappresenti il valore delle squadre di tutto il mondo”. Nessuna iniziativa legale, però: “i nostri avvocati hanno esaminato il caso”, ha spiegato il direttore della Knvb, “e hanno evidenziato che questa scelta è stata effettuata secondo le regole del torneo. Quindi non c’è nulla da fare”. Più fatalista Cesare Prandelli, che se la prende – ma in modo molto soft – con il regolamento e la tempistica della decisione: “Non vedo nulla di scandaloso”, ha commentato il Ct azzurro. “Vedo solo un regolamento da modificare. Forse avrebbero dovuto farlo prima e non alla vigilia del sorteggio. Non c’è una griglia di favorite”.

Roderick Lewis

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »