MENU

A Rio De Janeiro sono iniziate le prove per il Carnevale

12 febbraio 2014 • Eventi, Te lo dò io il Brasile, Viaggi & Affari

Al Sambodromo di Rio De Janeiro sono iniziate le prove per il Carnevale. Ballerini, performer e musicisti appartenenti alle diverse scuole di samba hanno sfilato lungo la grande struttura, lunga 700 metri, per perfezionare le esibizioni in vista della festa che coinvolge ogni anno l’intero Brasile. Quest’anno le sfarzose parate inizieranno la sera di venerdì 28 febbraio e proseguiranno per quattro notti consecutive, fino alla sera del 4 marzo, giorno di Martedì Grasso. Anche il Carnevale di Rio ha i suoi riti e una “cerimonia di apertura”: venerdì 28 il sindaco, Eduardo da Costa Paes, consegnerà le chiavi della città al Re Momo, la figura simbolo del Carnevale latino. Per le sfilate ogni scuola di samba presenta un proprio tema e avrà circa 90 minuti per percorrere con il carro, ballerine e musicisti il lungo viale del Sambodromo. Ai lati della struttura in cemento armato, progettata negli anni Ottanta dall’architetto brasiliano Oscar Niemeyer, sono stati realizzati spalti a gradinate che possono ospitare 90 mila persone per assistere alla manifestazione che – come ogni anno – verrà trasmessa in diretta televisiva. Le scuole di samba lavorano tutto l’anno per preparare il Carnevale; la “scuola” che sarà dichiarata vincitrice sarà premiata sabato 8 marzo. Nel Paese che ospiterà in giugno il Campionato del mondo di calcio, il Carnevale di Rio De Janeiro è il più famoso ed è la manifestazione in grado di attirare decine di migliaia di turisti da ogni continente, ma per il Carnevale si fa festa in tutto il Brasile. A Salvador, nello stato di Bahia, musica e balli durano sette giorni e più di un milione di persone danzano intorno ai trios elétricos, carri trasformati in palcoscenici che trasportano le band musicali; a Recife, capitale dello stato del Pernambuco, si allestiscono palchi nell’intera città per gli spettacoli di bande musicali e ballerini. Mentre nella vicina Olinda, località inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco per le sue chiese barocche, il Carnevale si dipana nelle pittoresche strade della città ed è aperto a chiunque voglia ballare e cantare.

Antonio Barbangelo

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »