MENU

Rousseff-Neves: il ballottaggio che non ti aspetti

6 ottobre 2014 • Te lo dò io il Brasile

Pochi se lo aspettavano: il centrista Aécio Neves conquista il ballottaggio per la presidenza brasiliana, a scapito della candidata socialista Marina Silva. Il figlio del primo presidente del Brasile post-regime, che scomparve senza riuscire a insediarsi ufficialmente, ha infatti ottenuto il 33,55% dei voti (i sondaggi lo accreditavano del 21%), a non molta distanza dalla presidentessa uscente Dilma Rousseff (41,59%), mentre Marina si è fermata al 21,32%. Il clamoroso risultato, che è sfuggito a qualsiasi previsione, lascia aperto ogni scenario per il ballottaggio del 26 ottobre: se si verificasse una molto probabile alleanza tra la candidata sconfitta e il leader del partito socialdemocratico, Dilma non dormirebbe sonni tranquilli.
Intanto, mentre si profila lo scontro Rousseff-Neves, il partito di Aécio incassa una vittoria nello stato di San Paolo, dove il suo candidato governatore, Geraldo Alckmin, ha evitato il ballottaggio, incassando la riconferma con il 57,31%. Nulla di deciso, invece, a Rio, dove ci sarà bisogno di un secondo turno di votazioni: a giocarsela, Luiz Fernando Pezão (Partido do Movimento Democrático Brasileiro, alleato con il movimento di Dilma Rousseff), che ha ottenuto il 40,57%, e il vescovo evangelico Marcelo Bezerra Crivella (Partido Republicano Brasileiro, democratico cristiano), che ha ottenuto il 20,26%, battendo sul filo di lana il governatore uscente Anthony Garotinho (19,73%). Sono 13, in totale, i governatori già eletti al primo turno.

A. Z.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »