MENU

Sap e Inter Campus fanno giocare i bambini in Brasile

17 giugno 2014 • Te lo dò io il Brasile

Bambini che corrono ridendo dietro a un pallone in Brasile, un po’ di corse, qualche dribbling, i rigori e la consegna a ciascun bambino di una maglietta dell’Inter. Un allenamento in piena regola. Non siamo nello stadio Nacional di Brasilia o nell’Arena Pernambuco a Recife, dove si giocherà Italia – Costa Rica, ma in una favela di Rio de Janeiro. L’evento che ha coinvolto i piccoli “campioni” brasiliani si è svolto nello scorso week end, in concomitanza con l’annuncio da parte di Sap – www.sap.com – player mondiale nelle soluzioni software per il business, di una partnership mondiale con Inter Campushttp://intercampus.inter.it – il programma di responsabilità sociale sviluppato da FC Internazionale. L’iniziativa fa leva sulla forza del calcio per restituire il diritto a giocare ai bambini più svantaggiati in tutto il mondo. Come parte dell’accordo, Sap supporterà economicamente la divisione brasiliana di Inter Campus, che opera per far crescere i piccoli nel paese dei Mondiali di calcio. “Siamo felici di poter contare su un partner come Sap, che ci supporta nell’impegno a migliorare le condizioni di vita dei bambini in Brasile”, ha affermato Nicoletta Flutti, corporate partnerships di Inter Campus”. Mentre Luisa Arienti, amministratore delegato di Sap Italia ha dichiarato: “Con questa partnership Sap e Inter Campus vanno oltre, unendo le forze per raggiungere il comune obiettivo di trasformare le vite delle comunità più bisognose mettendo a disposizione risorse e passione”. E Gustavo Amorim, marketing vice-president Sap Latin America, ha aggiunto: “In un momento in cui gli occhi del mondo intero sono puntati sul Brasile, intendiamo lavorare insieme a Inter Campus per consentire anche a questi incredibili bambini di giocare”.

Dal 1997 Inter Campus ha messo in atto un programma a lungo termine di cooperazione sociale in 29 paesi (in America Latina è presente anche in Argentina, Colombia, Paraguay e Venezuela). Il Circuito nerazzurro è in Brasile dal 1998. Nel paese dove si svolge ora la “Copa do Mundo” le attività riguardano: supporto all’alfabetizzazione, attività sportiva ed educativa contro le devianze sociali, valorizzazione di aree carenti, formazione pedagogica degli istruttori.

Una task force dedicata, composta da manager e da allenatori, coordina le attività nei vari centri in tutto il mondo, con l’obiettivo di insegnare il gioco del calcio e di creare progetti educativi e ricreativi per oltre 10 mila bambini delle comunità più povere. Gli allenatori lavorano a stretto contatto con 200 istruttori selezionati localmente, e un numero infinito di volontari che operano nei paesi che fanno parte del circuito mondiale Inter Campus. Al Festival di Locarno del 2008 è stato presentato in anteprima il documentario “Petites Historias das Crianças – Viaggio nel mondo di Inter Campus”, firmato da Gabriele Salvatores, Fabio Scamoni e Guido Lazzarini.

Antonio Barbangelo

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »