MENU

L’Uruguay rischia l’esclusione dai Mondiali

31 marzo 2014 • Sport news

La notizia è davvero clamorosa: l’Uruguay rischia di essere estromesso dai Mondiali brasiliani, a causa di presunte intromissioni della politica nella federazione calcio. Tutto è partito dalle dimissioni di Sebastián Bauzá, presidente dell’Asociaciòn Uruguaya de Fùtbol (Auf). Secondo i media uruguagi, Bauzá avrebbe lasciato la sua carica per contrasti con il governo. Materia del contendere, la crescente violenza negli stadi, che avrebbe infastidito talmente il presidente dell’Uruguay, José Alberto “Pepe” Mujica, da indurlo a dichiarare: “o si fa qualche cosa per la sicurezza, oppure fermiamo il calcio”. Le trattative tra istituzioni e Auf, che sembravano avviate verso una felice conclusione, si sono improvvisamente rotte quando Mujica ha improvvisamente ordinato alle forze dell’ordine di di ritirarsi dai due stadi di Montevideo, il Centenario e il Parque Central. Le conseguenze di quella decisione hanno indotto Bauzá alle dimissioni.

Pepe Mujica (Foto Roosewelt Pinheiro/ABr, licenza Creative Commons)

Pepe Mujica (Foto Roosewelt Pinheiro/ABr, licenza Creative Commons)

La Fifa sta ora cercando di capire se l’abbandono del presidente Auf sia stato causato da pressioni da parte della politica. Se questo fosse provato, il governo calcistico mondiale sospenderebbe la federazione uruguagia, e tutte le sue squadre impegnate a livello internazionale. Compresa la Selección. Nel girone dell’Italia e dell’Inghilterra verrebbe, quindi, a mancare un’avversaria pericolosa, che probabilmente sarebbe sostituita.

Pepe Mujica è balzato agli onori della cronaca per aver rinunciato, appena eletto alla presidenza dell’Uruguay, a gran parte dei suoi benefici politici: riceve 12.000 euro al mese come stipendi, ma ne dona il 90% in beneficenza, viaggia su un maggiolino e ha rinunciato a vivere nel palazzo presidenziale di Montevideo, optando per una piccola fattoria.

A. Z.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »