MENU

Valcke: “stadi, non è ancora tutto pronto”

3 aprile 2014 • Maracanà, Sport news

Nuovo allarme sugli impianti per i Mondiali. A lanciarlo è, ancora una volta, Jérôme Valcke. “Il Brasile non è del tutto pronto”, ha sostenuto il segretario generale della Fifa, sempre più allarmato dai ritardi nei lavori. I timori riguardano gli stadi che già la scorsa settimana erano finiti sotto esame: l’Arena Corinthians (altrimenti detta “stadio Itaquerão”) di San Paolo e il Beira-Rio di Porto Alegre. Oltre a tutto questo, ci si è messa anche l’Arena Pantanal di Cuiabá: la prova generale di ieri sera, 2 aprile (stanotte per il fuso orario europeo, qui) non è andata troppo bene: lo stadio è sì piaciuto, ma non è del tutto completo e i sistemi di drenaggio dell’acqua piovana non hanno funzionato.

Per Porto Alegre, la situazione sembra in via di risoluzione (qui): “le parti”, ha ricordato Valcke, “hanno raggiunto un accordo per garantire il finanziamento delle installazioni provvisorie: ora occorre dare continuità a queste decisioni”. San Paolo desta ben più preoccupazioni: “è una situazione triste, perché pochi giorni fa è morto un operaio (il 23enne Fabio Hamilton da Cruz, qui ndr) e i lavori sono stati interrotti dentro lo stadio, dove molte cose devono ancora essere completate”. La sospensione è stata decisa dalla sovrintendenza del lavoro e proseguirà fino a quando non daranno messe tele di protezione contro la caduta degli operai impegnati in altezza. Inoltre, i lavoratori dell’Itaquerão hanno proclamato uno sciopero, decisi a proseguire l’astensione dal lavoro fino a quando non saranno applicate le misure di sicurezza richieste dalle istituzioni. Anche i vigili del fuoco hanno affermato (ieri, 2 aprile,  qui) che lo stadio non è sicuro: mancherebbero ben 26 requisiti minimi.

Aldo Rebelo (foto Wilson DiasABr, licenza Creative Commons)

Aldo Rebelo (foto Wilson DiasABr, licenza Creative Commons)

Inutile dirlo: l’impianto di San Paolo è cruciale per la riuscita dei Mondiali, dato che è il secondo in ordine di importanza (dopo il Maracanà di Rio) e ospiterà la partita inaugurale. Un incontro che, ha ricordato Valcke, “non possiamo spostare. Abbiamo un calendario, che va fino al 13 luglio, e non c’è più spazio per ritardi”.

Tutto da rifare, dunque? No, secondo Aldo Rebelo, ministro brasiliano dello Sport. Che ha rassicurato sullo stadio di San Paolo. “L’Itaquerão è pronto, manca solo qualche rifinitura”, ha detto il politico. Una posizione molto distante da quella di Valcke: il segretario generale della Fifa ha affermato che “a inizio Mondiale qualcosa non sarà del tutto pronto”.

Roderick Lewis

La foto di Jérôme Valcke (in alto) è di Tanya Rego/Agência Brasil (licenza Creative Commons Brasile)

 

 

 

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »